News

Maggiori informazioni sulla PGD

PGD (diagnosi genetica preimpianto) è un metodo per rilevare ?? negli embrioni acquisiti a seguito di FIVET, patologie geniche e cromosomiche, e consente di trasferire solo standard ordinari nella cavità uterina del paziente.

Viene effettuato nei programmi di fecondazione in vitro su consiglio di un riproduttologo e / o su richiesta dei futuri genitori. È il metodo più accurato e sicuro per prevenire le malattie genetiche e cromosomiche in un bambino. E l'unico, permettendo ?? fallo prima dell'inizio della gravidanza. Inoltre, la PGD aumenta le possibilità di successo dell'impianto e riduce il rischio di difficoltà di gravidanza.

 

Cos'è la fecondazione in vitro con diagnosi genetica preimpianto?

La PGD si inserisce nei programmi di fecondazione in vitro per selezionare l'embrione per una serie di caratteristiche. La diagnostica viene eseguita prima del trasferimento del testicolo fetale alla futura gestante, in altre parole, prima dell'inizio della gravidanza: questa è la differenza fondamentale tra il metodo e altri tipi di screening per malattie cromosomiche e genetiche.

Nel programma di fecondazione in vitro, le cellule riproduttive vengono prelevate dai futuri genitori e quindi gli ovociti vengono fecondati con lo sperma secondo criteri di laboratorio. Si ottengono embrioni, che vengono coltivati ​​per 5-7 giorni in incubatrice, quindi vengono selezionati i migliori e trasferiti nella cavità uterina del paziente. La PGD viene eseguita dopo la fine della coltivazione. Da 3 a 5 cellule vengono prelevate dagli embrioni per l'analisi.

Il test genetico amplia le possibilità di selezione degli embrioni, permette di trasferire solo quelli che non presentano anomalie cromosomiche e genetiche.

La PGD aiuta a prevenire la nascita di un bambino malato, aborti spontanei, gravidanze congelate e consente di risparmiare energia per crescere un bambino sano.

Come e quando viene prelevato il campione per l'analisi?

Il materiale per l'analisi è ottenuto mediante biopsia. La funzione è svolta da un medico-embriologo. Armato di dispositivi speciali, il medico separa accuratamente diverse cellule da ciascun embrione. Nel nostro centro, uno specialista esegue la biopsia utilizzando un'apparecchiatura laser di micromanipolazione avanzata. Invia gli standard al laboratorio ai genetisti e vetrifica gli embrioni (si blocca). Gli indicatori di analisi e consigli su quali embrioni trasferire alla futura mamma vengono inviati dalla genetica a un altro specialista, un riproduttologo che conduce un programma di fecondazione in vitro.

Alla Canadian Medical Care, raccogliamo cellule per la diagnosi da un embrione di cinque giorni che ha raggiunto lo stadio di blastocisti. Una biopsia del trofoectoderma (membrana esterna della blastocisti) è meno traumatica e più produttiva. La conclusione è che al quinto giorno l'embrione ha già circa 200 cellule. Ciò rende possibile “staccare” e studiare alcuni di quelli che in futuro formeranno le membrane extraembrionali. Le caratteristiche di queste membrane sono di fondamentale importanza durante l'impianto nella cavità uterina.

Precisione e sicurezza della PGD nella fecondazione in vitro

L'accuratezza della diagnosi genetica supera l'ottantacinque percento. L'affidabilità dello studio in quasi tutto dipende dalle qualifiche dell'embriologo che esegue la biopsia del trofoectoderma. Allo stesso tempo, lo studio preimpianto non elimina la necessità di screening prenatale.

6157b97c9af2f3432f058494051181a6